Tag

, , , , , , , , , , , ,

Ehi, buongiorno!

Geeko Editor torna a farsi sentire, questa settimana, dopo un suo passo molto importante e che ci ha reso particolarmente orgogliosi:

il lancio, dopimmagine2o il blog della nostra start-up, di una pagina web informativa all’indirizzo www.geekoeditor.it, con la descrizione approfondita del nostro progetto, della mission che si propone e del nostro team creativo, all’interno di un’elegante cornice realizzata con il nostro duro e affiatato lavoro di squadra.

A questo punto non possiamo non sfruttare il blog per parlare un po’ del progetto.

Nelle scorse settimane abbiamo parlato di una serie di idee che ci hanno portato a immaginare di poter realizzare l’ambiziosa idea di un modello sperimentale di casa editrice, che sfrutti il potenziale di un web sempre più social e in cui gli utenti abbiano un ruoimmagine1lo fondamentale nel processo editoriale. Abbiamo parlato del concetto di comunità letteraria e della sua importanza, abbiamo affrontato il modo nel quale questo poteva conciliarsi con la necessità di avere uno standard qualitativo alto nelle pubblicazioni e, alla fine, abbiamo descritto la nostra idea di impresa: costruire una casa editrice che superi i vecchi modelli per fornire dei servizi di pubblicazione innovativi e che dia l’opportunità agli appassionati di letteratura e narrativa di coltivare la propria passione trovando nuovi spazi di espressione e, perché no, possibilità lavorative.

Nella nostra idea Geeko Editor dovrà essere un’attività di “frontiera” fra tradizione e innovazione. Cosa vuol dire questo, senza ricorrere a frasi fatte? Tentiamo di capirlo.

Geeko sarà un po’ casa editrice tradizionale, con la presenza di un comitato redazionale che leggerà e valuterà i manoscritti inviati, ma anche un un esperimento, perchè ad un certo punto del processo editoriale abbandonerà la normale prassi chiedendo alla comunità di iscritti al proprio portale di leggere i lavori più meritevoli e di decidere, su base democratica, quali raggiungeranno la pubblicazione in formato e-book.

immagine3

Ma questo processo, di cui abbiamo parlato molto negli ultimi giorni, è solo la punta dell’iceberg.

C’è anche una parte del progetto che va verso altri “luoghi del fare letteratura”, come il salotto letterario, nel quale si può discutere dei propri autori preferiti attraverso un forum, e il laboratorio di scrittura creativa, con la possibilità da parte degli autori di pubblicare piccoli racconti per farli leggere agli amici o per partecipare a contest letterari.

Insomma, se la casa editrice tradizionale era il luogo dove avveniva un semplice “processo” (io ti mando manoscritto, tu lo valuti e mi rispondi comunicandomi se per te è commercializzabile oppure no), Geeko è un ambiente, un luogo nel quale vivere le proprie passioni grazie all’utilizzo di uno strumento di comunicazione straordinario come il web 2.0

La natura complessa, composita e sperimentale di Geeko Editor riflette, in un certo senso, il fatto che il workingteam di sviluppo è composto da figure professionali simili fra loro come background, ma dalle competenze e dalle sensibilità creative differenti, che si completano a vicenda nel quadro della realizzazione del progetto. Al tempo stesso queste differenti capacità sono probabilmente la condizione perfetta per creare un’idea così originale, dal sapore giovanile e attenta a più sensibilità narrative.

Vedremo, presto, com’è nato il progetto e che tipo di sviluppo ha avuto!

Annunci